Un lago di possibilità

Leonie Hipkins è tornata da qualche giorno dal Sudan, dove ha trascorso un mese per monitorare il progetto di riabilitazione di un hafir (lago) realizzato grazie ai donatori COOPI Suisse e alle AIL.

Ci racconta: “La parte migliore del mio viaggio in Sudan è stata senza dubbio visitare i progetti, i cantieri e soprattutto le persone che hanno potuto beneficiare dal lavoro di COOPI Suisse.  Queste visite non consistevano solo nell'osservare l'avanzamento della riabilitazione dell’hafir o, previsti nel programma della rete COOPI, un vivaio, un punto d'acqua a energia solare, o altre attività ancora,  ma volevano comprendere cosa la popolazione percepisse dell'intervento: ha tratto beneficio o vi sono stati addirittura effetti collaterali indesiderati? Chi trarrà beneficio da questi interventi a lungo termine?

Per rispondere a questi questiti, influenzata dalla mia formazione di psicologa sociale e culturale e con il compito di monitorare il progetto, assistevo i miei colleghi che lavorano in loco durante gli incontri con i beneficiari.

Una mattina abbiamo condotto una discussione con i membri di un’associazione nata per raccogliere i risparmi di denaro dei partecipanti, in modo da sostenersi reciprocamente concedendo prestiti a chi ne avesse bisogno durante i periodi più difficili (VSLA – Village Saving and Loan Association), un sistema semplice ma con un risultato potente. Tra i membri dell’associazioni vi erano anche diversi pastori sostenuti con la riabilitazione dell’hafir.

Grazie alla possibilità di prendere in prestito denaro, alcune donne raccontavano come erano state in grado di acquistare il materiale per realizzare cappelli e borse che avevano poi venduto sul mercato.

Durante queste sessioni i locali condividevano i loro dubbi e idee, nonché i suggerimenti per il futuro. Questo è ciò che immaginavo essere la cooperazione allo sviluppo: raggiungere una comprensione reciproca della situazione e trovare una soluzione culturalmente appropriata ai bisogni e ai desideri delle persone.

Torno a casa consapevole della quantità di lavoro che c’è ancora da fare, ma felice di sapere che le persone bisognose di ieri saranno in una situazione migliore domani”.

Ti Potrebbe Interessare

Ultime Campagne

  • 3 CHF AL MESE

    3 CHF AL MESE

    Con 3 chf al mese porti benessere, cibo e sicurezza ai bambini della Sila. La…

  • Amico di COOPI Suisse

    Amico di COOPI Suisse

    Gli Amici di COOPI Suisse cambiano la storia: portano cibo, acqua, sicurezza e istruzione Sono…

Ultimi eventi

Ultime su Formazione

  • Tavola Rotonda alla SUPSI

    Tavola Rotonda alla SUPSI

    Mondi Connessi ritorna il ciclo di serate sulla Cooperazione internazionale L’UNESCO descrive l’educazione alla cittadinanza…

  • World Peace Forum 2019

    World Peace Forum 2019

    Lunedì 11 novembre 2019 si è tenuto presso il Palazzo dei Congressi di Lugano il…

Ultimi progetti

Ultime notizie

  • Un lago di possibilità

    Un lago di possibilità

    Leonie Hipkins è tornata da qualche giorno dal Sudan, dove ha trascorso un mese per…

  • Siamo diventati Zewo

    Siamo diventati Zewo

    Da quest’anno possiamo dare ulteriori garanzie ai nostri sostenitori in termini di trasparenza e affidabilità….